SERVIZI

Progettazione

Product Engineering
Il modello originale del Cliente viene elaborato per ottimizzarlo al materiale plastico prescelto ed al processo produttivo, inoltre vengono definiti i limiti e i vincoli tecnologici estetici ed economici della soluzione; questo accade in stretta collaborazione con il Cliente stesso ed i reparti produttivi interni.

Progettazione e Realizzazione dello Stampo
A seguito della fase di Product Engineering, inizia la progettazione dello stampo e delle eventuali attrezzature ausiliarie e costantemente mantenute che realizzeranno e controlleranno il prodotto richiesto.

Process Engineering
Grazie all’utilizzo del programma CAE di simulazione di processo Moldex3D, la Cattini è in grado di stimare con estrema accuratezza e fin dalle prime fasi del progetto quali saranno le caratteristiche meccaniche, estetiche e dimensionali del prodotto finito.

Costruzione Attrezzature

Stampi per Stampaggio ad iniezione
Gli stampi vengono realizzati sia internamente che esternamente, ma sempre su nostra specifica.
All’interno: nel caso di tempi di consegna ridotti o per stampi prototipali che necessitano di rapide e ripetute messe a punto.
All’esterno: nel caso la data di consegna lo permetta o quando ci sono dimensioni stampo e lavorazioni meccaniche fuori portata proibitive per le nostre macchine utensili, in questo caso il fornitore è seguito da nostro personale tecnico specializzato e realizza le attrezzature sulla base delle nostre specifiche tecniche.

Attrezzature Ausiliarie
S'intendono quelle attrezzature necessarie al processo produttivo quali:
- attrezzature per il prelevamento automatico dei particolari,
- sonotrodi e posaggi per la saldatura US,
- attrezzature per prove meccaniche,
- attrezzature per il controllo dimensionale.

Campionatura

La campionatura ha lo scopo di:

Verificare che lo stampo, controllato in ogni sua parte, realizzi in modo corretto il particolare richiesto dal cliente utilizzando dispositivi specifici alla verifica dimensionale necessaria, macchine di misura a contatto (Coordinate Measuring Machine), macchine di misura ottiche (Vision Measuring Machine), strumenti da banco tradizionali;

Definire i parametri di processo e le capacità di processo per la successiva produzione; contando su macchine moderne e costantemente manutenute, possiamo definire le capacità di processo per i nuovi prodotti utilizzando tecniche di SPC (Statistical Process Control), garantendo così uno standard qualitativo costante per tutte le successive forniture;

Stabilire i limiti tecnologici del processo produttivo

Qualificare il prodotto mediante l’utilizzo di dispositivi di misura appropriati al fine di ottenere il benestare da parte del Cliente e congelare il processo produttivo. L’intera fase di campionatura è seguita da personale qualificato ed in continua collaborazione con il Cliente; al termine della stessa ed in caso di esito positivo, vengono registrati tutti i dati necessari alla preparazione di specifiche Istruzioni Operative indispensabili per la realizzazione della successiva produzione.

Produzione

Trattamenti pre-stampaggio
Attraverso l’utilizzo di varie attrezzature (essiccatori a ricircolo d’aria, deumidificatori) rendiamo le materie prime prive di umidità residua al fine di garantire stabilità al processo produttivo, verificando periodicamente la conformità del materiale alle specifiche del produttore

Stampaggio ad iniezione
Lo stampaggio ad iniezione può contare su presse ad iniezione moderne, personalizzate con l’integrazione dei controlli estesa alle attrezzature ausiliarie e costantemente mantenute. Le macchine sono dotate di software che permette il controllo statistico di predeterminati parametri di processo (SPC), garantendo il monitoraggio della maggior stabilità possibile.

Assemblaggio
L’azienda è strutturata per poter eseguire assemblaggi di particolari utilizzando varie attrezzature, tra le quali la saldatura ad US.
Qualità

Collaudo
Il controllo qualità dispone di strumenti da banco di tipo tradizionale e di moderni dispositivi di misurazione quali macchine di misura a contatto (Coordinate Measuring Machine) e macchine di misura ottiche (Vision Measuring Machine). Grazie ad essi ed alla specializzazione dei nostri tecnici siamo in grado di verificare periodicamente le quote critiche di ogni particolare. Su richiesta possono essere eseguiti studi di capacità (Cp – Cpk) mediante l'utilizzo di tecniche di SPC (Statistical Process Control) utilizzate in fase di campionatura.
Eseguiamo inoltre la comparazione dei pezzi ai modelli matematici, attraverso specifici software di misura.
Disponiamo di attrezzature dedicate alla verifica della saldatura US mediante prove di strappo, sia in trazione che in compressione.
Siamo inoltre in grado di effettuare al nostro interno analisi del contenuto di umidità della materia prima polimerica e sui particolari stampati (analizzatore d’umidità Sartorius MA100) oltre al controllo del peso specifico (bilancia elettronica analitica Sartorius ME254 S) sia sulla materia prima che sui particolari finiti. Nel caso siano necessarie indagini più approfondite, collaboriamo con laboratori esterni accreditati specializzati nelle prove specifiche su materiali plastici quali ad esempio DSC, misura della viscosità in soluzione, soluzione, TGA, Melt Flow Index e altre.

Assicurazione Qualità
Dal 2000 il nostro Sistema Qualità Aziendale è certificato dall’ente TÜV Sud secondo le norme UNI EN ISO 9001 (attualmente edizione 2008).
Dal 2008 abbiamo ottenuto la Certificazione Ambientale IS0 14001 (attualmente edizione 2004).

Monitoring
Quale strumento di controllo aggiuntivo, la Cattini ha voluto dotarsi di sensori di pressione in cavità, scegliendo i prodotti Kistler.
Grazie alla centralina CoMo Injection, tali sensori rilevano la corretta pressione in cavità e permettono, in caso di anomalie, di isolare la singola stampata, così da garantire un processo più stabile e qualitativamente migliore.
Una volta definita la curva di pressione ideale, è possibile correlare i rilievi alle dimensioni del pezzo e quindi essere certi che, laddove la curva si ripete, i pezzi risultano uniformi.
Ai fini di una maggiore flessibilità in produzione, inoltre, queste informazioni consentono di trasferire lo stampo a presse diverse. Una volta definita la curva ideale, infatti, è sufficiente ripeterla su presse differenti per ottenere i medesimi risultati dimensionali.
Manutenzione stampi ed attrezzature

La manutenzione è una procedura aziendale che si prefigge l'obiettivo di eseguire un intervento manutentivo preventivo, volta a ridurre la probabilità di guasto o la degradazione del funzionamento di una entità produttiva, e viene gestita da un apposito software schedulatore che avverte ad intervalli prestabiliti il personale in attrezzeria.
Le attrezzature/stampi custoditi presso di noi sono coperti da polizza All risks.
Trattamenti Termici (Post-curing)

L’azienda dispone di una batteria di forni Vötsch e Heraeus per eseguire trattamenti di post-curing necessari all’imidizzazione del Torlon® (PAI) , inoltre vengono anche utilizzati per il trattamento del PEEK con carica al carbonio.

POST CURE
Le parti ottenute dallo stampaggio ad iniezione del Torlon® (PAI) devono essere sottoposte ad un trattamento termico conosciuto come POST CURE. Questo step è necessario per ottenere le propietà elencate nel Torlon PAI Design Manual di Solvayplastics. Le parti non trattate o trattate inadeguatamente non avranno le prestazioni desiderate.
Il processo consiste nell’inserire in forni ventilati le parti e trattarle termicamente usando una serie di incrementi di temperatura per diversi intervalli di tempo. Il trattamento standard è utilizzabile in particolari con spessore max della sezione trasversale di 7.6mm.
Cattini può determinare la miglior procedura di POST CURE per ogni applicazione e testare i particolari completamente trattati.